Servizi

Agenzia delle entrate

Usufruiamo di software collegati con l'agenzia delle entrate per l'elaborazione e l'inoltro dei modelli fiscali, che il condominio è tenuto a presentare annualmente, come 770 e CU.

Il modello 770 ( per l'anno d’imposta dell'anno precedente) deve essere utilizzato dai sostituti d’imposta, comprese le Amministrazioni dello Stato,  per comunicare in via telematica all’Agenzia delle Entrate le ritenute operate su:

  • redditi di lavoro dipendente e assimilati
  • redditi di lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi
  • dividendi, proventi e redditi di capitale, ricomprendendo le ritenute su pagamenti relativi a bonifici disposti per il recupero del patrimonio edilizio e per interventi di risparmio energetico (articolo  25 del decreto legge n. 78 del 31 maggio 2010)
  • locazioni brevi inserite all’interno della Certificazione unica (articolo 4 del decreto legge n. 50 del 24 aprile 2017 convertito con modificazioni dalla legge n. 96 del 21 giugno 2017)
  • somme liquidate a seguito di pignoramento presso terzi (articolo  21, comma 15  della legge n. 449 del 27 dicembre 1997 come modificato dall’articolo 15, comma 2 del decreto legge n. 78 del 1° luglio 2009  convertito in legge n. 102 del 3 agosto 2009)
  • somme liquidate a titolo di indennità di esproprio
  • somme percepite a seguito di cessioni volontarie nel corso di procedimenti espropriativi, nonché di somme comunque dovute per effetto di acquisizioni coattive conseguenti ad occupazioni d’urgenza.

L'invio del modello 770 è possibile a condizione che il sostituto abbia trasmesso la Certificazione unica e, se richiesto, la Certificazione degli utili  nei diversi termini previsti dall’articolo  4 del Dpr n. 322 del 22 luglio 1998  (7 marzo 2020 ovvero il 31 ottobre  2020).

Ristrutturazioni edilizie

L’agevolazione fiscale sugli interventi di ristrutturazione edilizia è disciplinata dall’art. 16-bis del Dpr 917/86 e consiste in una detrazione dall’Irpef del 36% delle spese sostenute, fino a un ammontare complessivo delle stesse non superiore a 48.000 euro per unità immobiliare.

Tuttavia, per le spese sostenute dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2021 la detrazione è elevata al 50% e il limite massimo di spesa è di 96.000 euro.

La detrazione deve essere ripartita in 10 quote annuali di pari importo.

È prevista, inoltre, una detrazione Irpef, entro l’importo massimo di 96.000 euro, anche per chi acquista fabbricati a uso abitativo ristrutturati.
In particolare, la detrazione spetta nel caso di interventi di restauro e risanamento conservativo e di ristrutturazione edilizia, riguardanti interi fabbricati, eseguiti da imprese di costruzione o ristrutturazione immobiliare e da cooperative edilizie, che provvedano entro 18 mesi dalla data di termine dei lavori alla successiva alienazione o assegnazione dell'immobile.
Indipendentemente dal valore degli interventi eseguiti, l’acquirente o l’assegnatario dell’immobile deve comunque calcolare la detrazione su un importo forfetario, pari al 25% del prezzo di vendita o di assegnazione dell’abitazione (comprensivo di Iva). Anche questa detrazione va ripartita in 10 rate annuali di pari importo.

Cessione del credito e opzione per il contributo sotto forma di sconto

Ai sensi dell’articolo 121 del decreto-legge n. 34 del 2020 (c.d. Decreto Rilancio), i soggetti che negli anni 2020 e 2021 sostengono spese per gli interventi di ristrutturazione edilizia possono optare, in luogo dell'utilizzo diretto della detrazione spettante, alternativamente:

  • per un contributo, sotto forma di sconto sul corrispettivo dovuto, fino a un importo massimo pari al corrispettivo stesso, anticipato dai fornitori che hanno effettuato gli interventi e da questi ultimi recuperato sotto forma di credito d'imposta, di importo pari alla detrazione spettante, con facoltà di successiva cessione del credito ad altri soggetti, compresi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari
  • per la cessione di un credito d'imposta di pari ammontare, con facoltà di successiva cessione ad altri soggetti, compresi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari.

Condividi su:
facebookTwitterLinkedin

Altri Servizi per i condomini

ServiziAssistenza legale
Condomini Italia offre a titolo gratuito un primo colloquio di assistenza legale per il tuo problema o la tua controversia condominiale.
Il team di avvocati e consulenti legali di guiderà verso la soluzione più adatta alla tue esigenze.
ServiziContabilità vs. terzi
Disponiamo di un software che permette di elaborare efficacemente la contabilità per conto di terzi.
ServiziRevisione bilancio condominiale
La legge di riforma del condominio ha attribuito all'assemblea dei condomini la facoltà di nominare “un revisore condominiale che verifichi la contabilità del condominio”, anche per più annualità specificamente indicate.
La nuova figura è prevista dall'art. 1130-bis c.c., introdotto dalla legge n. 220/2012 per disciplinare in maniera specifica e chiara la contabilità condominiale colmando una lacuna legislativa in materia. Lo scopo perseguito è quello di tutelare i condomini sia in termini di trasparenza e correttezza dei bilanci, sia anche in termini di maggiore coinvolgimento nella verifica dei conti condominiali.
Condomini Italia ti supporta anche in questo! Difatti disponiamo delle certificazioni necessarie per svolgere tale attività.
ServiziRichiedi preventivo amministratore
Nel vostro condominio volete cambiare amministratore? Oppure vuoi occuparti della gestione del condominio ed affidare le procedure contabili ad una figura esterna? Sei nel posto giusto!
ServiziTabelle millesimali
Condomini Italia dispone di un team di professionisti in grado di sviluppare e redigere le carature delle tabelle millesimali, idonee e a misura per la tipologia del vostro edificio.